mercoledì 30 dicembre 2009


In occasione delle feste un caro saluto a tutti i miei amici e soprattutto alle persone conosciute al Campo di Accoglienza di S. Benedetto di Bagno (AQ) a cui va tutto il mio affetto

lunedì 9 novembre 2009

LIBERA VOLONTA' E TESTAMENTO SPIRITUALE


Forse dal punto di vista musicale non è il miglior brano di questo genio assoluto della musica, ma il testo è meraviglioso per la sua lucidità e profondità

mercoledì 4 novembre 2009

POESIE


Correva l'anno 2008 - In questa antologia sono comparse alcune mie poesie. Eccole.


I

Geografia lunare dopo mezzanotte ai vetri
con un silenzio centrifugo che s’allarga
tra assenze e giustificazioni di rimando
non rischiara se non questo procedere
metro su metro e nessun dio
nel raggio di molti e molti chilometri

Andare tornare definire
azioni pause d’azioni riprese
con la carne che suda non fermarti

Poi

Chiamo respiri appena
sotto le coperte sei forma ipotesi incerta
se mi avvicino ti sento
spezzarmi il silenzio
darmi un’identità



II

(prima stanza)

Avvicinàti
i bisogni del mio corpo avvinghiati come tralci di viti
i bisogni del tuo corpo segni non del tutto capiti
io un affacciarsi stupito tra specchi e cavità
tu pozzo con luna e superfici tremanti
Fasi di luna piena guizzi movimenti c’era la tua voce
l’area del tuo corpo moltiplicata alla mia
ed uno scialle bianco sopra la tua pelle bruna

(seconda stanza)
questa sera sono strisciato
tra terra e mare sulle banchine del porto
solo per un odore di acqua marcia e lontananza
avrei voluto dirti che c’è ancora molto
da tracciare da costruire
ma tu mi guardavi da oltremare
poi fissavi le tue scarpe da tennis
squittire tra la sporcizia
Non parlavi
Non ascoltavi
Respiravi appena

(terza stanza aperta
Orizzonte da sempre
fermo a guardare
sequenze di moti armonici



III


…..aprirono porte
illuminarono stanze
visitarono pagine
furono anarchia
corsero nell’ironia
e nel “ De profundis “….

…..tornando.
Tu non so.
Io sorridendo
ho aspettato
l’alba…..

….non si replica.
Così dicono i libri
l’orologio il metro
l’acqua che scende dal vetro
e dietro la tua fotografia
una minuta grafia e nebbie sottili
che avvolgono passati prossimi
passati remoti e trapassati.
Come fili…

…ma ti ho voluto bene.
Strano. Succede

domenica 1 novembre 2009

video

POESIA IN MUSICA....
POCO PIU' DI UN MINUTO....
TUTTA LA VITA FLUISCE DAVANTI....
SEPTEMBER - DAVID SYLVIAN

IL GUARDIANO DEL VENTO

La meravigliosa creatura che mi vive accanto ha ottenuto un prestigioso riconoscimento per il suo romanzo "Il guardiano del vento" ed. IL FILO, entrando nel novero dei dieci finalisti del Premio "LAMERICA" 2009. La cerimonia di premiazione si è svolta il 18/10/2009 a S. Giovanni Teatino (CH)
Tutti i miei complimenti e la mia ammirazione!!!!

mercoledì 14 ottobre 2009



LA STORIA ED I SUOI MORTI

(di rimando)

che viene considerata
un processo circolare
così come la descrivono annali
dentro calendari e ricorrenze

che ne sentimmo parlare
non come favola no
se i fatti sopravvivono

che sarebbero stati
magari a considerarli
per puro gioco di ipotesi
altri sviluppi e deviazioni della vita

che furono lasciati
sul tappeto devastato
al limite della storia
così anonimi
dato che il sangue
è senza voce

che continuano le stesse sequenze
dentro l’azzurrina evanescenza di uno schermo
proiettata sui muri di riflesso


(omissis compresi)
VENGO DA LONTANO. NELLA MIA ADOLESCENZA LA POESIA (ED ANCHE LA MUSICA) MI HANNO PROBABILMENTE SALVATO LE CHIAPPE DALL'ANGOSCIA, DAL SENSO DI IMPOTENZA, DI INADEGUATEZZA, DANDOMI UN POTENTE STRUMENTO PER ESPRIMERE IL MIO MONDO INTERIORE ED ESERCITARE UNA SORTA DI CAPACITA' DI
RI-CREAZIONE DELLA REALTA'.
POI LA VITA HA PRESENTATO IL SUO CONTO. LAVORO, MATRIMONIO, SOLITE INCOMBENZE QUOTIDIANE, FIGLI. TUTTO IL PIATTUME DELLA VITA CHE TI PESA SOPRA, NONOSTANTE ABBIA SCELTO IO IL MIO LAVORO E CHE MI PIACCIA DA MORIRE (L'INSEGNANTE), NONOSTANTE UNA COMPAGNA ED UNA FAMIGLIA MERAVIGLIOSI.
PER CIRCA VENTANNI LA POESIA SI E' ADDORMENTATA IN ME.
POI UN GIORNO LA CREATURA MERAVIGLIOSA CHE MI STA VICINO HA INIZIATO A SCRIVERE UN LIBRO.....
UN LIBRO PARTICOLARE CHE PARLA DI VOLO E DI ASPIRAZIONI AD UNA VITA PIU' SIGNIFICATIVA. COSI' ANCH'IO HO RICOMINCIATO A SCRIVERE.
BADATE BENE, NON CREDO NELLA SCRITTURA COME TERAPIA O COME DIMENSIONE SOGGETTIVA, IL SENSO DELLA POESIA STA NEL COMUNICARE QUALCOSA OLTRE LA DIMENSIONE PERSONALE, QUALCOSA DI COLLETTIVO E DI UNIVERSALE ( E QUI PESA ANCORA LA MIA FORMAZIONE UMANA E POLITICA ALLA QUALE, NONOSTANTE DISILLUSIONI E SCONFITTE, NON SO RINUNCIARE.

MOMENTI SERENI CON MIA FIGLIA

lunedì 12 ottobre 2009

ISTRUZIONI PER L'USO

Credere che le distanze siano per noi violabili
nient'altro che rotoli di carta pellicole impressionabili
su cui testimoniare il divenire. Accettare
di riempire questi fogli è un atto di fiducia
nella storia e nel significato della nostra presenza qui.
Crederci è stato il nostro dramma
non crederci sarebbe stato il nostro peccato.
1978